fbpx

Facebook: Anatomia di un post quasi perfetto

Scrivere un post su Facebook che coinvolga generi e interesse non è semplice come bere un bicchiere d’acqua. Non basta un semplice copia e incolla di testi presi magari dalla brochure o dal sito web ma ci sono alcune regole da seguire.

Il post è composto da due parti, il testo che coinvolge le persone e l’immagine che attira l’attenzione. Questo è la base. Ma esiste una formula magica per scrivere veramente un post perfetto? Vediamo alcuni consigli su come scrivere un buon post.

 

  • “Less is more” – Poche parole

Essere brevi ma concisi. Scrivere post lunghi non sempre è una buona soluzione, il lettore si annoia facilmente e si distrae subito, soprattutto perché è sempre bombardato da molte inserzioni e post ma essere sintetici e mostrare i punti forti del prodotto, vi aiuterà a catturare l’attenzione dell’utente e a indurlo a saperne di più.

 

  • Le immagini sono importanti

Le immagini aiutano a comunicare meglio. Il nostro cervello elabora le immagini più velocemente di un testo, di conseguenza sono uno strumento più che importante nel post. Usa immagini di forte impatto visivo e colori che attirino l’attenzione. Se decidi di usare uno stile, cerca di rimanere sempre in linea con quello in quanto aiuta identificare il brand. Un altro aspetto importante da non trascurare sono le dimensioni. Ricordiamoci che ogni social ha delle dimensioni specifiche per i suoi post, Facebook usa immagini di  1200 x 630 px. Quindi per evitare che la vostra immagine  venga tagliata, ricordatevi di controllare di avere le dimensioni. In alternativa potete usare tools di design come Canva ad esempio.

 

 

  • Url shortners

Se volete condividere un link e  state incollando l’url nel vostro post e questo link è piuttosto lungo e pieno di parametri che occupano più righe, è meglio accorciarlo. Gli url shortner come ad esempio bit.ly o owl.ly, fanno esattamente al caso vostro, accorciano il link  e lo rendono “più carino” alla vista, aggiungono anche un alone di mistero alla destinazione e rendono il post più pulito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Call to action

Le call to action sono le chiamate all’ azione, cioè delle parole, solitamente si usa un verbo all’ imperativo, che vengono usate per dire all’utente di compiere una determinata azione. Quindi parole come scarica, visita, compra, iscriviti sono parole che di solito vengono usate per indurre l’ utente a compiere un’azione e solitamente sono innescate dal fatto che riceveranno qualcosa in cambio, ad esempio “iscriviti gratis e otterrai un buono sconto”.

 

  • Fai domande

Fare domande alla fine del post aiuta a stimolare i commenti, che molto spesso si sentono presi in causa e allora commentano ed esprimono le loro preferenze.

 

Queste sono le basi per strutturare un buon post. Tu usavi già questi metodi?

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *